0 Share Share Tweet Share
Poker Room » Consigli e trucchi » Quote poker – come calcolarle?
Consigli e trucchi

Quote poker – come calcolarle?

Giu 10 scritto da Nicola Pokerjump

quote pokerSto giocando a poker : ho una coppia di 9 e scende il flop, devo rilanciare o no? Come calcolare la mia quota e possibilità di vittoria?

Vediamo insieme come calcolare le quote poker di vittoria della propria mano, un tattica che vi permetterà di aumentare notevolmente le vostre vincite. Scoprirete che soprattutto nel poker online, l’aspetto psicologico ha un’importanza relativamente limitata.

Calcolare la probabilità di vincere al poker

Utilizza questo strumento per calcolare le tue odds:

Oltre a questo e altri utili tool che trovi nel nostro sito, sarà necessario familiarizzare con alcuni termini e imparare a conoscere e sapere nozioni:

  1. Il numerdo degli outs
  2. Le quote del pot
  3. Le quote di miglioramento

Gli outs

Con il termine outs ci si riferisce alle carte che possono farvi vincere la mano. Sono tutte le carte che vi fanno migliorare la vostra mano di partenza.

Fondamentale quindi é conoscere i punteggi del poker, dovrete inoltre ricordare che:

  • Ci sono 52 carte
  • Ci sono sempre 4 carte dello stesso valore
  • Le carte dello stesso colore sono 9

Grazie a queste informazioni siete in grado di calcolare agevolmente quanto segue.

Esempio: avete un K di cuori e un 10 di cuori. Al flop un Q di cuori, un 7 di cuori e un 3 di fiori.

Voi potete allora sperare di ottenere:

  • Un colore al turn o al river con A, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9 e J quindi 9 outs
  • Una coppia con uno dei tre K restanti

In totale quindi 12 outs!

Per cominciare ad utilizzare questa tecnica vi consigliamo di giocare online ad esempio su Titanbet. Piattaforma con un gran numero di tornei di poker che con il codice bonus Titanbet offre ai nuovi giocatori fino a 1.500€ di bonus da poter utilizzare immediatamente.

La percentuale del pot

Grazie al suo calcolo potete decidere quanto conviene puntare nel caso che: il vostro avversario ha puntato ma voi credete abbia una mano inferiore. Oppure voi siete sicuri di avere la mano migliore ma credete che al turn o al river uno dei vostri avversari ottenga una mano superiore alla vostra

Ecco come dovete calcolare le quote del pot:

Puntata avversaria / pot totale

La percentuale di miglioramento

Si deduce dal vostro numero di outs. E’ il rapporto tra il numero di outs e le carte restanti. E’ la probabilità che le carte che vengono mostrate dopo il flop vi permettano di migliorare la vostra mano:

 [(numero outs X 2) +2] / 100

Quindi riprendendo l’esempio precedente, avete 12 outs e 47 carte => Quindi 12/47 quindi circa 26%

Ecco un video della scuola di poker di MisterPoker dove viene ricapitolato quanto detto fino ad ora:

Quota – La decisione finale

La regola é molto semplice: sul lungo termine le quote di miglioramento devono essere superiori a quelle del pot o come molti giocatori pro dicono gli odds devono essere superiori alla percentuale del pot.

Riprendiamo ancora l’esempio descritto precedentemente.

Decidiamo che il pot sia di 2€ e voi siete contro un avversario che ha messo 1€ dopo il flop:

  • Quote del pot: 1/3 25%
  • Quote di miglioramento: 26%

Per iniziare a giocare a poker registrati su GDPoker con il nostro codice promozione Gioco Digitale oppure valuta altre skin grazie ai nostri consigli e confronti della migliori poker room italiane.

In questo caso le quote sono molto vicine tra loro ma nel lungo termine, seguendo la nostra teoria, sarete vincitori quindi vi conviene puntare. Per maggiori informazioni su Greg Merson vincitore WSOP in cui si può capire chiaramente l’importanza delle percentuali continuate a leggere il nostro sito.

Ora avete tutte le conoscenze per poter partecipare a tornei come il famoso IPT Italiano, il live non può più spaventarvi.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
0
Share
Share Tweet Share